L’ultima perla, una fiaba di Christian di Andersen

L’ultima perla, una fiaba di Christian di Andersen
Dai un tuo giudizio

adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

Era una casa ricca, una casa felice. Tutti, padroni e domestici e amici di casa, erano contenti ed allegri. Quel giorno, un erede era nato — un figlio maschio; e mamma e bambino stavano benone. La lampada, nella bella camera da letto, era a mezza luce; pesanti tende di seta preziosa pendevano alle finestre, chiuse accuratamente; il tappeto era folto e morbido come il musco: tutto invitava al sonno, al riposo che ristora le forze. Nemmeno l’infermiera aveva saputo resistere all’invito, e infatti s’era addormentata: niente di male, del resto, poi che tutto andava per il meglio, e tutto era contentezza. Lo Spirito ch’era a guardia della casa stava a capo del letto. Sopra il bambino, che riposava sul petto della mamma, era stesa come una rete di stelle scintillanti, — una magnificenza: ciascuna era una perla della felicità. Tutte le buone fate della vita avevano portato il loro dono al neonato; qui brillava la salute, lì la gioia, la ricchezza, l’amore; tutto, in somma, quel che di meglio possono desiderare gli uomini sulla terra. […]


Sostieni Parole di Storie con una libera donazione. Puoi farlo qui, oppure vai sulla pagina “Sostieni Parole di Storie” e scopri in quanti modi potrai sostenere il nostro lavoro. La tua donazione ci aiuterà a raccontare nuove storie, nuove avventure, che potranno restare libere e gratuite. Grazie, anche solo per averci pensato, e come sempre, buone storie nuove a tutti.

 

seguiciFacebooktwitteryoutubeinstagramFacebooktwitteryoutubeinstagramby feather

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica alla moderna e contemporanea. Qui puoi ascoltare liberamente le nostre storie, e se poi lo desideri puoi prendere quelle che preferisci e portarle via con te, gratuitamente. Come un di più, per amore della leggerezza.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *