Canto d’amore d’un Giardiniere dei Sogni. Una fiaba di Gaetano Marino. * dai 10 anni

Canto d’amore d’un Giardiniere dei Sogni. Una fiaba di Gaetano Marino. * dai 10 anni
Fiabe

 
Play/Pause Episode
00:00 / 18:48
Rewind 30 Seconds
1X

Messa in voce di Gaetano Marino
* dai dieci anni

C’era una volta, in un lontano villaggio immerso al centro di un isola, una giovane fanciulla di nome Arehia. La sua bellezza era cosi rara e luminosa da far vergognare persino il sole. Arehia era figlia unica, e i suoi genitori vivevano con la felicità nel cuore, seppure una figlia così preziosa poteva essere motivo di tanta apprensione. Essi temevano che una qualsiasi sventura avrebbe potuto turbare la felicità della famiglia, per questo motivo Arehia era sempre vissuta protetta nella grande casa, come fosse un gioiello fragile custodito in un forziere.[…]

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

4 commenti

  1. Un Po lunga.Ben scritta e interpretata.originale trama.

  2. Grazie Franca Carta, ci siamo fatti prendere da troppa magia… 😉

  3. Non vedo l’ora di visitare quell‘isola così vicina alla natura da ispirare gli uomini che la abitano a scrivere favole e a usare le parole antiche per esprimere i sentimenti che pure sono antichi e per narrare l’esistenza. Questa favola è dolce come il miele, condita al momento giusto di una piccola dose di salato. Anche in dialetto bresciano, il mio, quando ci si vuole bene si dice che quei due “i sa stemö“, si stimano. Così come quando si corrono dietro da appena innamorati si dice: “i sa parlö“, si parlano. Poi è arrivato l’italiano e va bene, ma con le parole antiche se ne sono andate via anche le azioni e i modi fare antichi. E forse va bene così ma io dentro di me ho un brivido quando penso a cosa sentivo dentro di me da bambina quando mi dicevano che quei due “i sa stemö“: sognavo che un giorno sarebbe capitato anche a me. A me poi è capitato, dopo tanti anni, e ne sono felice. Ho anche due bambine, che mettono alla prova questa stima, ma non la intaccano. E allora ben venga questo racconto, così sensibile alle prime memorie dell‘amore e così audace da voler sconfiggere il destino scritto. Un caro saluto da Berlino.

    • Carissima Francesca, grazie. Ogni identità ha le proprie radici, e le diverse varianti stanno a farne vita nuova, nei suoni e nelle storie, ma poi si cade con le fiabe, giocare per giocare, da cui il fantastico e i ponti per il presente si moltiplicano all’infinito. Alcuni tornano alla tradizione, come un non volersi in altro, ed è comprensibile, altri desiderano quel di più per amore della fantasia (Pirandello) altri ancora tradiscono, che è un po’ come tradurre (condurre), e vanno verso nuovi “giardini”, sperimentano nuovi destini e la fanno alla meraviglia. Briciola dopo altra briciola. Saluta Berlino da questa meravigliosa Nuoro, ti aspettiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *