Il congresso dei topi. Una favola di Esopo

Il congresso dei topi. Una favola di Esopo
Favole

 
 
00:00 / 3:09
 
1X
 

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

Nella cantina di una vecchia cucina regnava la disperazione. Da quando era arrivato un grosso gattaccio i topi non potevano più uscire dalle loro tane, né di giorno né di notte. Con il tempo la fame si faceva sempre più forte e mordeva i loro stomaci, e se qualche topo coraggioso tentava di raggiungere la dispensa delle proviste, era quasi certo che non sarebbe tornato indietro. Cadeva preda del gattaccio, il quale se ne stava sempre in agguato in ogni luogo della vecchia cucina. Insomma, così non si poteva andare avanti, bisognava far qualcosa, decidersi. I topi che erano rimasti vivi decisero di riunirsi a congresso per trovare il modo di combattere quel fetente d’un gattaccio. -Bisogna organizzare una trappola- dicevano alcuni. -Sarebbe meglio avvelenarlo – dicevano altri. Il guaio è che non riusciamo mai a sentire quando si avvicina- dissero ancora altri reduci.
-Ho trovato!- disse un topo anziano, che si sapeva fosse molto prudente e astuto. -Se noi riuscissimo ad attaccare un campanellino alla coda del gatto- continuò questi – non ci sarebbe più pericolo. Lo sentiremmo avvicinarsi e avremmo il tempo di scappare. -Ottima idea!- esclamarono tutti. E l’idea mise d’accordo tutta l’assemblea dei topi. Ma quando si trattò di andare ad eseguire l’opera del campanellino da agganciare alla coda del gatto, nessuno dei topi in assemblea ebbe il coraggio di farlo. La seduta fu tolta, l’assemblea chiuse e non se ne fece più nulla.

Spesso un’idea può esser vincente, ma senza il coraggio diventa perdente
perché tra dire e fare lo sanno tutti poi cosa ci sta nel mezzo.

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *