Il gigante cattivo, una fiaba di Oscar Wilde

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

Una fiaba adottata da I.B.I.S. Associazione di Promozione Sociale Nuoro

Facebook paginaibisnuoro@gmail.com – Tel. 0784-441402

[…] Ma un giorno il Gigante tornò. Erano trascorsi un bel po’ d’anni, o qualcosa di più, o qualcosa di meno, non importa, erano comunque tanti.
Quando il Gigante giunse nel suo paesello i paesani lo riconobbero subito. Senza nemmeno salutare i compaesani, curvo e con un respiro di belva, il Gigante si diresse verso casa. Appena giunto di fronte al cancello estrasse di tasca le grandi chiavi ferrose e aprì. Un rumore assordante di ferraglia rugginosa invase l’aria. Laggiù, sul fondo, stava il Castello, con la sua torre imponente, e intorno il giardino, il suo grande giardino. Ma subito si accorse con stupore che il giardino era pieno di bambini, sì, erano proprio bambini. Ed erano tanti. Corrugò la fronte e… «Ehi, voi, che cosa ci fate nel mio giardino?» gridò il Gigante con una voce che pareva un tuono pauroso prima di un temporale. «Questo è il mio giardino! ». […]

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *