Janas. Storie delle piccole fate di Sardegna. Filomena della Rocca

Janas. Storie delle piccole fate di Sardegna. Filomena della Rocca
Fiabe

 
 
00:00 / 16:52
 
1X
 

Scritta e messa in voce da Gaetano Marino

Una fiaba adottata dal comune di Oniferi (NU)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Oniferi-Stemma.png
30

L’area fu abitata già in epoca prenuragica e nuragica, per la presenza nel territorio di alcune domus de janas e di numerosi nuraghi. Nel medioevo appartenne al giudicato di Torres e fece parte della curatoria di Sarule prima e di quella di Ottana poi. Alla caduta del giudicato (intorno al 1259) passò al giudicato di Arborea e dal 1410 al marchesato di Oristano. Alla definitiva sconfitta degli arborensi, nel 1478, passò sotto la dominazione aragonese. Gli aragonesi ne fecero un feudo che fu incorporato nel 1617 marchesato di Orani, feudo dapprima di Caterina Da Silva e poi dei Fadriguez Fernandez. Per diverso tempo Oniferi divise le sue sorti con quelle di Orani, finché fu riscattato agli ultimi feudatari nel 1839 con la soppressione del sistema feudale voluta dai Savoia. Il suo territorio è assai ricco di siti archeologici di epoca pre-nuragica e nuragica come la necropoli di Sas Concas.

Illustrazione di Sara Bachmann – Le amiche di Freya

Io di tanto in tanto correvo come una agnellino selvatico nei dintorni, finché capitavo in quel posto magico, dove restavo incantato: erano le rocce scavate, che già conoscevo per averci giocato con i miei compagni, le Domus de Janas, le case delle fate di Sardegna.
Ora, io, che a quel tempo ero piccolo, come ho già detto, mi facevo fantasticherie, credendoci eccome a quelle storie delle Janas. Che poi, io sono sicuro, ci credeva pure nonna. Bastava guardarla mentre raccontava di quelle fate: il viso le si illuminava, pareva che le rughe scomparissero, non si spegneva mai. […]

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *