La volpe, il leprottino e il rovo di spine, una favola di Esopo

La volpe, il leprottino e il rovo di spine, una favola di Esopo
Favole

 
 
00:00 / 3:22
 
1X
 

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

C’era una volta una graziosa volpe dal manto marrone e lucente che viveva in una piccola casetta in mezzo al bosco. Un bel mattino di primavera l’animale uscì dalla propria abitazione con l’intenzione di procurarsi una preda per il pasto di mezzodì.
Vagando per la brughiera fischiettando allegramente, la volpe attirò l’attenzione di un ingenuo leprottino il quale, incuriosito, le si avvicinò per osservarla meglio. L’astuta volpe non si lasciò sfuggire l’occasione e sorridendo al cucciolotto gli disse: “Buongiorno a te mio piccolo amico. Cosa fai tutto solo in questi boschi?” Il leprotto divenne improvvisamente diffidente di fronte a tutto quell’interessamento e, indietreggiando piano rispose: “Oh, niente, proprio niente. Anzi, adesso che ci penso, dovevo tornare a casa”.
Ma la volpe non aveva alcuna intenzione di lasciarsi scappare un bocconcino cosi prelibato. Quindi, con un abile balzo si gettò sull’animaletto per afferrarlo. Fortunatamente il piccolino riuscì a sfuggire alla volpe con salto un veloce. Indietreggiò e fuggì verso il confini del del bosco. La volpe lo seguì fino a quando non si trovò sull’orlo di un grosso precipizio. Per evitare di cadere nel vuoto l’animale di aggrappò ad una siepe di Rovo di spine pungenti, graffiandosi e pungendosi con le sue spine in tutto il corpo. La volpe abbandonò l’inseguimento al piccolo leprotto, e rimase seduta dolorante di fronte al Rovo di spine leccandosi le ferite.
“Che stupida che sono stata!” disse la volpe fra sé “Mi sono aggrappata alla prima cosa che ho trovato per non cadere nel precipizio e mi sono punta e graffiata, e chissà forse, lanciandomi forse avrei anche acciuffato il leprottino, o chissà cosa avrei trovato laggiù“.
Per quel giorno ormai la volpe non poteva più far niente e camminando piano per il male, se ne tornò a casa sconsolata.
Spesso la paura dell’ignoto ci costringe a indietreggiare ed a fermarci anche se questo, a volte, può essere meno vantaggioso.

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *