I tre garzoni, la signora elegante e l’oste. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Mariana Fiore, Lilli Fois, Filippo Marino, Marta Marino, Roberta Perra e Caterina Scalas.

Messa in voce di Mariana Fiore, Lilli Fois, Filippo Marino, Marta Marino, Roberta Perra e Caterina Scalas.

C’erano una volta tre poveri garzoni che non avevano lavoro. Un giorno si misero in viaggio per il mondo a cercar fortuna. Camminando e camminando, decisero di fermarsi in una città dove trovarono lavoro. Ma dopo un po’ il lavoro finì, e i tre garzoni si ritrovarono in povertà. Allora […]

La bambina e la serpe. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Un’orfanella sedeva presso al muro di cinta e filava, quando vide una serpe sbucare da una fessura ai piedi del muro. Stese subito accanto a sé il suo scialletto di seta azzurra; piace tanto alle serpi e non vanno che su quello. Appena la serpe lo vide, tornò indietro,
ricomparve, portò una piccola coroncina d’oro, la mise sullo scialletto e se ne andò. […]

I Messaggeri della Signora Vestita di Nero. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Adattamento di Gaetano Marino

[…] Ma il Gigante si rifiutò. Subito nacque una lotta durissima tra il Gigante e la signora Morte. Fu una lotta che durò parecchio. Il gigante rimase stupito dalla forza di quella donnetta, come lui aveva chiamato. La signora morte non si muoveva per niente, bastavano le sue vesti a sferrare schiaffi e frustate, più forti che fossero pugni e calci, contro il malcapitato gigante. Ma alla fine, non si sa come, né perché, il gigante, forse colto di disperazione, tirò un colpo fortunato, e diede un pugno forte sulla testa della signora Morte, tanto che stramazzò a terra. […]

Il povero ragazzo nella fossa della dolce morte. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

C’era una volta un pastorello povero, che era orfano di padre e madre. La legge lo affidò ad un uomo ricco, perché lo sfamasse e lo educasse. Ma l’uomo ricco e sua moglie erano cattivi assai e, seppure fossero ricchissimi, erano pieni di livore contro chiunque, e soprattutto, avari. Al povero ragazzo affidato dalla legge, davano poco da mangiare, e come se non bastasse lo riempivano di botte.
Un giorno il ragazzo doveva custodire uan gallina e i suoi pulcini. Ma la gallina se ne andò d’improvviso con i suoi pulcini per un sentiero sconosciuto, e scomparve. In quell’istante piombò dal cielo una falco, la rapì con i suoi artigli e se la portò in alto, nel suo nido. […]

Il pesce d’oro, il povero pescatore e il dono dei figli dorati. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

C’era una volta un pover’uomo e una povera donna, che possedevano soltanto una capannina, e vivevano miseramente di pesca. Ma un giorno, che l’uomo stava presso l’acqua e tirava su la rete, gli capitò di trovare impigliato un pesce tutto d’oro.
Mentre l’osservava meravigliato, il pesce d’oro si mise a parlare:
— Senti, pescatore, se mi rimetti in acqua, trasformo la tua misera capannina in un castello bello assai.
Rispose il povero pescatore: – Ma a che mi può servire un castello, se non ho niente da mangiare?
Il pesce d’oro rispose: — Penserò anche a questo, stai tranquillo […]

La trebbia venuta da lassù. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta un contadino che andava ad arare il suo campo con un paio di buoi.
Quando arrivò nel campo, mentre i buoi tiravano l’aratro di ginepro, e con grossa fatica, per solcare il campo, d’improvviso le corna dei due animali cominciarono a crescere; e cresci e cresci e cresci, crebbero così tanto quelle corna, che quando il contadino tornò a casa non poté far entrare i buoi nella stalla; dato che le loro corna erano cresciute troppo da non poter varcare il portone della casa. […]

Pidocchietto, Pulcetta e i loro amici. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Era un freddo e terribile inverno.
Un pidocchio, detto pidocchietto, e una pulce, detta pulcetta, erano amici assai e vivevano insieme. E insieme facevano la senape in un guscio di noce.
Ma quel giorno, non si sa perché né come andò, fatto fu che Pidocchietto cascò dentro il guscio di noce mentre la senape stava a cuocere, e si bruciò assai.
Allora Pulcetta si mise a piangere forte, tanto che pareva una fontana impazzita.
D’improvviso s’aprì la porta di casa che disse:

  • Pulcetta, ma perché‚ piangi?
    – E perché non dovrei piangere? Pidocchietto s’è scottato!
  • Oh poveretto.
    Disse la porta, che si mise a cigolare forte per il gran dolore. […]

Eva e i suoi figli. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Messa in voce di Caterina Scalas

Venne il tempo in cui Adamo ed Eva furono cacciati dal Paradiso terrestre per aver disubbidito al Signore Dio. I due dovettero allora costruirsi una casa su una terra arida e sterile, e dovettero pure mangiare il pane col sudore della fatica e del dolore.
Adamo arava e tentava di seminare il campo ed Eva filava la lana, oltre ad accudire la casa.
Ogni anno Eva, con lo sofferenza e nei dolori, metteva al mondo un figlio, ma i figli erano diversi tra loro, troppo diversi. Alcuni erano belli, altri erano brutti.
Dopo un bel po’ di tempo, il Signore Dio inviò un angelo ai due coniugi, per far loro sapere che Egli voleva andare a far visita e per vedere la loro casa. […]

Il vecchio Trink e Trank e la principessa signora Margonne. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta un re, che aveva una figlia a cui voleva molto bene. Questo re aveva fatto costruire un monte di vetro, promettendo che che avrebbe dato sua figlia in sposa a chi fosse riuscito ad attraversarlo, senza minimo cadere. C’era un giovane ragazzo che era innamorato della principessa e domandò al re se potesse averla lui in sposa.
— Sì! — disse il re: – se attraverserete il monte senza cadere, l’avrete.
Allora la principessa, che già amava il coraggioso ragazzo, disse che voleva anche lei attraversare il monte, insieme con il suo amato, così da poterlo aiutare, semmai dovesse cadere. Il re suo padre diede il suo permesso. […]

La piccola onda. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Messa in voce di Caterina Scalas

Fratellino e sorellina stavano fuori nel giardino. Il giorno splendeva con la sua primavera, mentre i due bambini giocavano accanto a una fontana. Giocando giocando scivolarono e caddero dentro la fontana. Là, sotto l’acqua c’era pronta una piccola onda, che disse: – Oh, bene bene, ora che voi siete nelle mie mani, vi porterò con me e vi toccherà lavorare duramente e tanto. La piccola onda avvolse i due bambini dentro due ali d’acqua, li immobilizzò con la schiuma e se li portò via, giù giù, in fondo.
Alla Bimba diede da filare del brutto lino aggrovigliato e arruffato, costringendola a portare acqua in una botte piena di fori; il Bambino invece doveva abbattere un albero con una scure che aveva perso il filo del taglio. I due fratellini ricevevano da mangiare gnocchi duri come sassi. […]

Il mago cattivo, detto Mago Malo, e lo strano uccelletto. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Messa in voce di Roberta Perra

C’era una volta un mago assai cattivo, che si chiamava Mago Malo. Egli, sotto le vesti di un povero straccione, andava a chiedere l’elemosina di villaggio in villaggio, dove rubava pure le belle figliuole.
Nessuno però sapeva che fine facessero, perché esse non tornavano più a casa.
Un giorno il finto povero straccione, Mago Malo, bussò alla porta di un uomo che aveva tre belle figliuole. Aveva proprio l’aria di un poverello malconcio, e portava sulla schiena una cesta a forma di cono. Chiese l’elemosina di un tozzo di pane, e quando la maggiore delle figlie uscì di casa, là, proprio sulla porta, il finto povero la toccò appena nelle mani, e la bella fanciulla fu costretta a saltare nella cesta. […]

La sogliola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

messa in voce da Caterina Scalas

[…] Si misero tutti in fila lungo la riva, il luccio diede il segno con la coda e partirono tutti insieme. Il luccio schizzò via come una freccia, e con lui l’aringa, il ghiozzo, il pesce persico, il carpione e, comunque si chiamino, tutti quanti. Anche la sogliola nuotava con loro e sperava di giungere alla meta. […]

Il Giramondo. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta una povera donna, che aveva un figlio; questo figlio aveva tanta voglia di girare il mondo e la madre gli disse: — Come farai? Noi non abbiamo denaro, che tu possa portare con te —. Disse il figlio: — Me la caverò. Dirò sempre: «Non molto, non molto, non molto ».
Girò il mondo per qualche tempo e diceva sempre: — Non molto; non molto, non molto —. Trovò un gruppo di pescatori e disse: – Dio vi assista! non molto; non molto, non molto! Perché dici «non molto », mascalzone? — E quando tirarono le reti, non ci avevano preso molto pesce. Allora lo bastonarono e dissero: — Non hai
mai visto come si fa a trebbiare? — Cosa devo dire allora? — domandò il ragazzo. — Devi dire: « Piglia tanto! piglia tanto! » […]

Le briciole sulla tavola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Messa in voce di Caterina Scalas

Una volta il gallo disse alle sue gallinelle:
— Venite, andiamo nella stanza di sopra a beccare le briciole sulla tavola: la nostra padrona è uscita per fare una visita.
Dissero le gallinelle:
— No, no, noi non veniamo: la padrona va in collera con noi —.
Disse il gallo: — Non ne sa nulla, venite pure; non ci dà mai niente di buono. […]

Donnette. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Messa in voce di Roberta Perra

“Dove vai?” – “Vado a Cogozzo.” – “Io vado a Cogozzo, tu vai a Cogozzo: bene, bene, andiamo insieme.”
“Hai anche tu il marito? Come si chiama?”