Viaggio a Roma. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte

Viaggio a Roma. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 5:22
 
1X
 

Traduzione in lingua italiana e messa in voce di Tonino Mesina

Nel paese di Olai c’e una topolina molto vispa e girellona. Le piace viaggiare e conoscere gente nuova e vedere il mondo. Un giorno mentre era intenta a rosicchiare formaggio nel magazzino, sente zio Ignazio, il padrone, che diceva:

  • Questa cassa di formaggio la mandiamo a roma a signora Cesarina
  • A roma? – ripete la topolina – a roma ci voglia andare anche io col formaggio.
    Così si nasconde dentro la cassa, pronta per viaggiare. […]

Biazu a Roma. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte

Biazu a Roma. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 6:16
 
1X
 

Messa in voce di Tonino Mesina

In sa bidda ‘e Olai b’est una sorichitta ispipilla e zirella: li piachet a biazare, a connoschere zente noba e a biere su mundu.
Una die, in su mentres chi s’est rosicande casu in su magasinu, intendet a Ziu Innassiu,
su mere, nande: “Custa cassia de casu la mandamus a Roma, a Sennora Zesarina”. “A Roma? – si narat sa sorichitta – A Roma b’ando derettu deo puru chin su casu!” E si nche zaccat in sa cassia, pronta a bizzarre. […]

Il racconto di Bassoledduh. Una fiaba in Limba Orunese di Mariuccia Gattu Soddu

Il racconto di Bassoledduh. Una fiaba in Limba Orunese di Mariuccia Gattu Soddu
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 26:39
 
1X
 

Messa in voce di Pina Ghisu

Sa contascia de Bassoleddhu, de Mariuccia Gattu Soddu
Boche de Pina Ghisu – Orune Lmba

Custu est unu contu po pizzinnor de atteros tempos, chi, po irvallagana, in dier longar de maju, o po collassora, in dies curzar de iberru, aian bissonzu de duos soddhor de istentu, po los acher istare chietos e incantados a su puntu de… credere abberu chi essistiat non solus unu poleddhu cacainare ma senna unu pizzinnu mannu cantu unu bassolu pithudu, chi, appuntu po cussu, si nariat Bassoleddhu!
Inutile narrere chi, chie contabat cale si siat contascia, debiat istrocchere s’aeddhu de pessones e animaler de su contu e si debiat achere a drengheles, a ghenesces e a simìles, chin ghettos, amiadas e zinnos, a secunda de su bissonzu, po rennere, cantu prus possibile, tottu beritabile! […]

Il bambino che si era perso. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte

Il bambino che si era perso. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 4:12
 
1X
 

Traduzione e messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione originale in Limba Nuorese messa in voce da Tonino Mesina

Su pizzinnu chi si fit perdiu. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte

Su pizzinnu chi si fit perdiu. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 4:41
 
1X
 

Messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione in lingua italiana tradotta e messa in voce da Tonino Mesina

Annicu fit andande a su cunzau chin su babbu. Ma cada pacos passos si firmabat a annotare carchi cosa: una chicala, una croca, una tilicherta, un’ape…
“Ajò! – nabat su babbu – Si non mi sichis ti podes perdere!”. Su pizzinnu li curriat iffattu, ma… b’aiat tantas cosas de biere!
Custa borta fit una filera de furmicas carrande granos de tridicu. Annicu las cheriat sichire, pro biere comente intraban in sa cala issoro.
Sichi sichi e annota annota, est colau su tempus. Cando su pizzinnu at finiu de sichire sa caminera de sas furmicas at arziau sa conca, ma… su babbu non bi fit plus! […]

Il bambino che non voleva crescere. Una fiaba in lingua italiana di Maria Teresa Pinna Catte

Il bambino che non voleva crescere. Una fiaba in lingua italiana di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 4:24
 
1X
 

Traduzione e messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione originale in Limba Nuorese messa in voce da Tonino Mesina

Su pizzinnu chi non cheriat creschere. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte

Su pizzinnu chi non cheriat creschere. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 4:57
 
1X
 

Messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione in lingua italiana messa in voce da Tonino Mesina

Cosomeddu aiat belle chimb’annos, ma non cheriat caminare, nen currere, nen brinchiare… e non cheriat nemmancu andare a iscola, ca nabat chi issu fit minoreddu. Li piachiat a istare in brazzos a sa mama o in sa chillia de sa sorrichedda naschia dae pacu.
Sa mama lu carinnabat e lu teniat in sa coda a li fachere “duru-duru”, ma non lu podiat picare prus in brazzos a lu ninniare, ca fit pesante. Fit mannittu commo e fit tempus de jocare chin atteros pizzinnos!
Unu sero chi Cosomeddu pranghiat ca si cheriat ninniau a su postu de sa sorrichedda si l’est accurziau unu soriche birde chi l’at nau: “Ite lastima chi no ischis caminare! Appo accattau un’iscusorju… chin-d una preda mazica chi ti dat tottu su chi ti bisonzat… ma b’at de caminare pro arribare a cussu locu!”. […]

La Jana (fata) Elène. Una fiaba dalla Sardegna

La Jana (fata) Elène. Una fiaba dalla Sardegna
Fiabe

 
 
00:00 / 6:19
 
1X
 

Scritta e messa in voce da Francesca Branca

Ascolta la versione in Limba Dorgalese messa in voce da Francesca Branca

C’era una volta, tanto tempo fa, una bambina che si chiamava Lucia. Viveva in una famiglia molto povera e per dare un aiuto ogni notte, a mezzanotte, si alzava dal suo letto e andava al fiume a lavare i panni delle signore ricche del suo paese. La mamma era molto malata e non poteva più fare quel lavoro. Le sue piccole mani erano rosse e gonfie, aveva otto anni occhi e capelli neri che le cadevano sulle spalle.
Un giorno una Jana che passava poco lontano sentì levarsi dalla campagna un canto tanto dolce e melodioso come non ne aveva sentiti mai in vita sua. Sembrava che quel canto giocasse coi tronchi degli alberi e che poi si sollevasse verso il fitto fogliame dei rami per accompagnarsi in coro col canto degli uccelli. […]

Sa Jana Elène. Una fiaba in Limba Dorgalese dalla Sardegna

Sa Jana Elène. Una fiaba in Limba Dorgalese dalla Sardegna
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 6:19
 
1X
 

Scritta e messa in voce da Francesca Branca

Ascolta la versione in Lingua Italiana messa in voce da Francesca Branca

Baiada una orta, meda tempus fachede, una pitzinnedda chi si mu-tiada Luchia. Biviada in d’una famillia povera povera e pò dare un’azzudu cada notte, a mesanotte, si che pesada dae su lettu e andava a su frummene a lavare sos vistires de sas sinnoras riccas de sa idda. Sa mama fidi meda malaida e non podiada prus fachere cussu travallu; zuchiada sas maneddas rujas e uffrasas, haiada ott’annos e fidi chin sos ocros e chin sos pilos nieddos chi che l’acchirrana intas a palasa. […]

Il racconto di metà fava. Una fiaba popolare

Il racconto di metà fava. Una fiaba popolare
Fiabe

 
 
00:00 / 5:23
 
1X
 

Scritta e messa in voce da Natalino Piras

Ascolta la versione in Limba Bittese scritta e messa in voce da Natalino Piras

C’era una volta un frate questuante che uscito dal convento per la cerca arriva in una casa e qui gli hanno dato metà fava.
Il frate buttò la metà fava dentro la bisaccia e si mise nuovamente in viaggio.
Cammina cammina, arriva a un’altra casa e bussa alla porta. Venne ad aprire una vecchietta, bassa e con la gobba. Come se la vide davanti, il frate chiese: “Me la conservate questa metà fava?”
” Certo che ve la conservo” rispose la vecchietta. “Lasciatela là, nella pietra della scala”.
Il frate lasciò la metà fava e partì.
C’era però nella pietra della scala una gallina, l’unica che avesse la vecchietta, che si mangiò la metà fava. E così quando il frate ritornò, la vecchietta glielo disse.
“Ah, così è? E allora o la metà fava o la gallina, o la metà fava o la gallina”.
E così il frate si ebbe la gallina. Si rimise in viaggio e cammina cammina arrivò a un’altra casa. […]

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è piras-natalino-02-636px.jpg
Natalino Piras (Bitti 1951) laureato in lettere con una tesi sui personaggi narrati da Sciascia, è bibliotecario nel Consorzio per la pubblica lettura “Sebastiano Satta” a Nuoro. Tra i suoi libri: Il tradimento del mago (1986), La Sardegna dei sortilegi (2004), Brujas (2006), Pitzinnos Pastores Partigianos eravamo insieme sbandati (2012). Ha un profilo facebook e dal 2010 cura quotidianamente il sito Nella terra sospesa www.natalinopiras.it

Su contu de sa perredda e‘ s’ava – una fiaba popolare in Limba Bittese

Su contu de sa perredda e‘ s’ava – una fiaba popolare in Limba Bittese
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 5:20
 
1X
 

Scritta e messa in voce da Natalino Piras – Limba Bitti (NU)

Ascolta la versione in Lingua Italiana scritta e messa in voce da Natalino Piras

Una via b’aiat unu prate chirca chi essitu dae cumbentu in d’una domo l’ana datu una perredda ‘e ava.
Su prate nche la ghettat a intro de sa bertula e si ponet torra in viaggiu.
Camina camina, arrivat a un’atera domo e tocchedat a sa janna. L’at abertu una ziedda vezza, tottu torta e chin sa gobba.
“A mi la tentates custa perredda ‘e ava?” dimannat su prate.
“Lassatela in cue, in sa preta ‘e s’iscala, chi poi da esso a la remonire”.
Su prate lassat sa perredda ‘e s’ava e zucat.
Capitat però chi sa pudda ‘e sa ziedda, s’unica chi baiat, si mannicat sa perredda ‘e s’ava.
Torrat su torrat su prate e cheret sa perredda ‘e s’ava.
“Si l’at mannicata sa pudda.”
“Ah, gai este? E tanno sa perredda ‘e s’ava o sa pudda. o sa perredda ‘e s’ava o sa pudda”.
E gai su prate si n’at apitu sa pudda.
Sichit in sa chirca e camina camina arrivat a un’atera domo.
Toc-toc. “A mi la tentates sa puddla?” […]

Natalino Piras (Bitti 1951) laureato in lettere con una tesi sui personaggi narrati da Sciascia, è bibliotecario nel Consorzio per la pubblica lettura “Sebastiano Satta” a Nuoro. Tra i suoi libri: Il tradimento del mago (1986), La Sardegna dei sortilegi (2004), Brujas (2006), Pitzinnos Pastores Partigianos eravamo insieme sbandati (2012). Ha un profilo facebook e dal 2010 cura quotidianamente il sito Nella terra sospesa www.natalinopiras.it

La bambina e la serpe. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

La bambina e la serpe. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois
Fiabe

 
 
00:00 / 2:01
 
1X
 

Un’orfanella sedeva presso al muro di cinta e filava, quando vide una serpe sbucare da una fessura ai piedi del muro. Stese subito accanto a sé il suo scialletto di seta azzurra; piace tanto alle serpi e non vanno che su quello. Appena la serpe lo vide, tornò indietro,
ricomparve, portò una piccola coroncina d’oro, la mise sullo scialletto e se ne andò. […]

L’Orco e le due Comari. Una fiaba di Francesco Mango

L’Orco e le due Comari. Una fiaba di Francesco Mango
Fiabe

 
 
00:00 / 8:16
 
1X
 

Messa in voce di Gaetano Marino

Ascolta la versione in Limba Seddorese messa in voce da Mariana Fiore

Una volta c’erano due comari, stavano accanto, si volevano molto bene, e uscivano sempre insieme. Un giorno uscirono a passeggio, e son passate presso un orto; una di queste aveva visto un fungo, e siccome era incinta, disse alla comare: — «Entriamo, perché ho visto un fungo, e l’ho desiderato». Rispose la comare: «Sì, entriamo subito, profittiamo di
questo momento che non ci vede nessuno». Entrarono, e si avvicinano per tirarlo, tirano e non vuole uscire, tirano forte ed esce l’Orco che disse a quella donna: «Il fungo te lo do, però ad un patto. Quando partorirai, farai una bella bimba, e, arrivata all’età di quattro anni, la condurrai da me». […]

S’Orcu e is duas Gomais. Una fiaba di Francesco Mango in Limba Seddorese

S’Orcu e is duas Gomais. Una fiaba di Francesco Mango in Limba Seddorese
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 6:50
 
1X
 

Messa in voce di Mariana Fiore

Ascolta la versione in Lingua Italiana messa in voce da Gaetano Marino

Una borta ci fiat duas gomais, biviant accanta, si boliant mera beni, e bessiant sempri impari. Una dì funti bessias a passillai, e funti passaras accanta de un ortu; una de cussas iat bistu unu cardulinu, e sicomenti fiat gravida, narat a sa gomai: «Intraus, puita chi happu bistu unu cardulinu, e d’happu disiglilau». E Arrispundit sa gomai: «Sì, intreus subitu, profitteus de custu momentu chi no si biri nisciunu». Intrant, e s’accostant po du tirai, tirant e non bolit bessiri, tirant forti e i ndi bessit s’Orcu, e narat a cussa femmina: «Su cardulinu ge’ ti du dongu, però cun d’unu pattu. Candu has a parturiri, has a fai una bella pipia, e arribara a s’edari de quattr’annus, d’has a portai
a mei». […]

L’uccello fuggito. Una fiaba di Francesco Mango

L’uccello fuggito. Una fiaba di Francesco Mango
Fiabe

 
 
00:00 / 4:10
 
1X
 

Messa in voce di Gaetano Marino

Ascolta la versione in Limba Seddorese (Sanluri) messa in voce da Mariana Fiore

Una volta c’era un re, che teneva! un bellissimo canarino, e lo stimava molto, e aveva appositamente incaricato un servo di dargli da mangiare e badargli in tutto, affinché non
fuggisse. Ma un bel giorno, in un momento che il servo aveva lasciato lo sportello della gabbia aperto, il canarino se ne fuggì. Il cameriere era disperato, perché sapeva che il re che voleva bene al canarino, non poteva soffrire ch’egli l’avesse lasciato fuggire. […]

Su pilloni fuìu. Una fiaba di Francesco Mango in Limba Seddorese (Sanluri)

Su pilloni fuìu. Una fiaba di Francesco Mango in Limba Seddorese (Sanluri)
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 3:53
 
1X
 

Messa in voce in Limba Seddoresa (Sanluri) di Mariana Fiore

Ascolta la versione in Lingua Italiana messa in voce da Gaetano Marino

Una borta ci fiat unu rei chi teniat unu bellissimu canarieddu, e du stimat mera, e iat incarrigau apposta unu serbidori po di donai a pappai e po du attendiri in totu, po chi no
si nci fuessit. Ma una bella dì, in d’unu momentu chi su serbidori iat lassau su portillittu de sa cabbia obertu, su canarieddu si nci fiat fuìu. Su cambareri fiat disperau, puita sciera chi su rei chi boliat beni a su canariu, no iat aporri suffriri ch’issu ci d’essit lassau fuìri. […]

Sa mariposa e s’arcu ‘e chelu. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte

Sa mariposa e s’arcu ‘e chelu. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 4:00
 
1X
 

Messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione in Lingua Italiana a cura di Tonino Mesina

B’aiat una borta una bella mariposa bianca chi si nabat Lalia. Li piachiat a bolare in artu in s’aghera, semper prus in artu, cando imbezzes sas cumpanzas si cuntentaban de
bolare supra sos frores de su zardinu.
Una die, appustis de una temporada, Lalia annotat su chelu e lu biet torra chene nues, ma… b’at una cosa noba e ispantosa commo… una cosa chi issa no at bidu mai: in artu in s’aghera bat un’arcu mannu mannu, de medas colores! […]

La farfalla e l’arco del cielo. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte

La farfalla e l’arco del cielo. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 3:45
 
1X
 

Traduzione dalla Limba nuorese in Lingua italiana e messa in voce da Tonino Mesina

Ascolta la versione in lingua nuorese messa in voce da Tonino Mesina

C’era una volta una bella farfalla bianca, che si chiamava Lalia. Le piaceva volare in alto nell’aria, sempre più in alto, mentre le altre compagne farfalle si accontentavano di volare sui fiori del giardino. Un giorno dopo una tempesta, Lalia guarda il cielo e lo vede nuovamente senza nuvole, ma c’è una nuova meraviglia nel cielo, una cosa che lei non aveva mai visto: in alto, sospeso nell’aria, c’è un arco grande grande, con molti colori. […]

L’uccello della buona sorte. Una fiaba di Maria teresa Pinna Catte.

L’uccello della buona sorte. Una fiaba di Maria teresa Pinna Catte.
Fiabe

 
 
00:00 / 5:13
 
1X
 

Traduzione in lingua italiana e messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione in Limba Nuorese messa in voce da Tonino Mesina

C’era una volta una donna che si chiamava Nanghela. Non era vecchia, ma era sempre triste, perchè era sola al mondo. Teneva sempre la porta di casa chiusa, perché non voleva vedere né parlare con nessuno. Passava il tempo davanti al caminetto in inverno, e d’estate stava vicino alla finestra. Anche il cortile era triste, con alberi secchi, senza fiori e niente uccelli. Un giorno di primavera s’avvicina alla porta di casa un grande uccello, con le ali tutte piene di stelle e dice a Nanghela:

  • apri la porta, fammi entrare, io sono l’uccello della buona sorte. […]

Su puzone de sa bona sorte. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte.

Su puzone de sa bona sorte. Una fiaba in Limba Nuorese di Maria Teresa Pinna Catte.
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 5:32
 
1X
 

Messa in voce in Limba Nuorese di Tonino Mesina.

Ascolta la versione in Lingua Italiana a cura di Tonino Mesina.

B’aiat una borta una femina chi si nabat Nanghela. Non fit bezza; ma fit semper trista, ca fit sola in custu mundu. Manteniat sa domo semper serrada e no aperiat mai sa janna, ca non cheriat biere a nemmos nen faveddare chin nemmos. Colabat su tempus indainnantis de sa ziminera in iberru e in s’oru ‘e sa bentana in istiu. Peri sa corte fit trista, chin arbores siccos chene frores nen puzones. Una die de beranu si l’accurziat a sa bentana unu puzone mannu, chin alas tottu isteddadas e li narat a Nanghela:

  • Aperimi sa janna, aperi unu mamentu.
  • E chie ses? – dimandat issa – Non l’appo bidu mai unu puzone bellu che a tibe!.
  • So’ su puzone de sa bona sorte – li narat – si mi faches intrare t’appo a dare unu pacu de fortuna a tibe puru! […]

Le parole magiche. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte

Le parole magiche. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 6:18
 
1X
 

Traduzione e messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione originale in Limba Nuorese

Elias aveva quasi sei anni, ma non era allegro come gli altri bambini, era sempre triste, la sua sorellina era molto malata, e il dottore non riusciva guarirla. Elias aveva sentito dire che nel monte vicino al paese cresceva un’erba che poteva guarire tutte le malattie: si chiamava Erba del Sole e cresceva nelle rocce della punta più alta del monte. […]

Sas paragulas mazicas. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte, in Limba Nuorese

Sas paragulas mazicas. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte, in Limba Nuorese
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 6:54
 
1X
 

Messa in voce di Tonino Mesina

Ascolta la versione in Lingua Italiana

Elias no aiat mancu ses annos, ma non fit alligru che-i sos atteros pizzinnos; fit semper tristu, ca sa sorrichedda sua fit meda maladia e su duttore non resissiat a la sanare. Elias aiat intesu chi in su monte accurzu a bidda b’aiat un’erba chi podiat sanare calesisiat maladia: fit s’erba ‘e su sole e creschiat in sas roccas de su cuccuru prus artu de su monte. Una die Elias si fachet corazu e si ponet in caminu: bi cheret arribare a calesisiat costu a nche collire cuss’erba! […]

La ghianda magica. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte

La ghianda magica. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte
Fiabe

 
 
00:00 / 6:00
 
1X
 

Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte. Traduzione e messa in voce di Tonino Mesina

* Ascolta la versione in Limba Nuorese

Un pastore povero, in punto di morte disse al figlio: “Ti lascio tutto quello che ho: una capra. Ma tu non ti devi contentare del poco latte che ti può dare, prendi la capra e vai, gira il mondo e cerca fortuna”. Morto il babbo il ragazzino lasciò la capanna, e si mise in viaggio con la capra. Alla sera si ferma vicino al bosco del monte e si appoggia ad una roccia per riposarsi. Non si è nemmeno seduto che sente una vocina che piange: “Ohi, ohi, non posso uscire”. Il pastorello tutto meravigliato non capisce da dove esca quella vocina. […]

Sa lande mazica, unu contu ‘e maghia. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte in Limba Nuorese

Sa lande mazica, unu contu ‘e maghia. Una fiaba di Maria Teresa Pinna Catte in Limba Nuorese
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 5:48
 
1X
 

Una fiaba scritta da Maria Teresa Pinna Catte. Messa in voce di Tonino Mesina

* Ascolta la versione in Lingua Italiana

Unu pastore poveru, morinde aiat nau a su fizu: “Ti lasso tottu su chi appo: una crapa. Ma tue non ti cuntentes de su pacu latte chi issa ti podet dare; pica sa crapa e bae, zira su mundu e chirca fortuna.
Mortu su babbu, su pizzinnu lassat su pinnettu e si ponet in caminu chin sa crapa; a sero si firmat in s’oru ‘e su buscu de su monte e s’imbarat a una rocca pro si pasare. No est bene settiu chi intendet una bochichedda chi pranghet: “Ohi! Ohi! Non poto issire!”. Su pastoreddu, tottu ispantau, non cumprendet dae ube essit cussa boche. […]

I tre garzoni, la signora elegante e l’oste. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Mariana Fiore, Lilli Fois, Filippo Marino, Marta Marino, Roberta Perra e Caterina Scalas.

I tre garzoni, la signora elegante e l’oste. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Mariana Fiore, Lilli Fois, Filippo Marino, Marta Marino, Roberta Perra e Caterina Scalas.
Fiabe

 
 
00:00 / 11:24
 
1X
 

Messa in voce di Mariana Fiore, Lilli Fois, Filippo Marino, Marta Marino, Roberta Perra e Caterina Scalas.

C’erano una volta tre poveri garzoni che non avevano lavoro. Un giorno si misero in viaggio per il mondo a cercar fortuna. Camminando e camminando, decisero di fermarsi in una città dove trovarono lavoro. Ma dopo un po’ il lavoro finì, e i tre garzoni si ritrovarono in povertà. Allora […]

I Messaggeri della Signora Vestita di Nero. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

I Messaggeri della Signora Vestita di Nero. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois
Fiabe

 
 
00:00 / 7:57
 
1X
 

Adattamento di Gaetano Marino

[…] Ma il Gigante si rifiutò. Subito nacque una lotta durissima tra il Gigante e la signora Morte. Fu una lotta che durò parecchio. Il gigante rimase stupito dalla forza di quella donnetta, come lui aveva chiamato. La signora morte non si muoveva per niente, bastavano le sue vesti a sferrare schiaffi e frustate, più forti che fossero pugni e calci, contro il malcapitato gigante. Ma alla fine, non si sa come, né perché, il gigante, forse colto di disperazione, tirò un colpo fortunato, e diede un pugno forte sulla testa della signora Morte, tanto che stramazzò a terra. […]

Il povero ragazzo nella fossa della dolce morte. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Il povero ragazzo nella fossa della dolce morte. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra
Fiabe

 
 
00:00 / 9:01
 
1X
 

C’era una volta un pastorello povero, che era orfano di padre e madre. La legge lo affidò ad un uomo ricco, perché lo sfamasse e lo educasse. Ma l’uomo ricco e sua moglie erano cattivi assai e, seppure fossero ricchissimi, erano pieni di livore contro chiunque, e soprattutto, avari. Al povero ragazzo affidato dalla legge, davano poco da mangiare, e come se non bastasse lo riempivano di botte.
Un giorno il ragazzo doveva custodire uan gallina e i suoi pulcini. Ma la gallina se ne andò d’improvviso con i suoi pulcini per un sentiero sconosciuto, e scomparve. In quell’istante piombò dal cielo una falco, la rapì con i suoi artigli e se la portò in alto, nel suo nido. […]

Il pesce d’oro, il povero pescatore e il dono dei figli dorati. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Il pesce d’oro, il povero pescatore e il dono dei figli dorati. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas
Fiabe

 
 
00:00 / 15:35
 
1X
 

C’era una volta un pover’uomo e una povera donna, che possedevano soltanto una capannina, e vivevano miseramente di pesca. Ma un giorno, che l’uomo stava presso l’acqua e tirava su la rete, gli capitò di trovare impigliato un pesce tutto d’oro.
Mentre l’osservava meravigliato, il pesce d’oro si mise a parlare:
— Senti, pescatore, se mi rimetti in acqua, trasformo la tua misera capannina in un castello bello assai.
Rispose il povero pescatore: – Ma a che mi può servire un castello, se non ho niente da mangiare?
Il pesce d’oro rispose: — Penserò anche a questo, stai tranquillo […]

La trebbia venuta da lassù. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

La trebbia venuta da lassù. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois
Fiabe

 
 
00:00 / 4:41
 
1X
 

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta un contadino che andava ad arare il suo campo con un paio di buoi.
Quando arrivò nel campo, mentre i buoi tiravano l’aratro di ginepro, e con grossa fatica, per solcare il campo, d’improvviso le corna dei due animali cominciarono a crescere; e cresci e cresci e cresci, crebbero così tanto quelle corna, che quando il contadino tornò a casa non poté far entrare i buoi nella stalla; dato che le loro corna erano cresciute troppo da non poter varcare il portone della casa. […]

Pidocchietto, Pulcetta e i loro amici. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Pidocchietto, Pulcetta e i loro amici. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra
Fiabe

 
 
00:00 / 4:36
 
1X
 

Era un freddo e terribile inverno.
Un pidocchio, detto pidocchietto, e una pulce, detta pulcetta, erano amici assai e vivevano insieme. E insieme facevano la senape in un guscio di noce.
Ma quel giorno, non si sa perché né come andò, fatto fu che Pidocchietto cascò dentro il guscio di noce mentre la senape stava a cuocere, e si bruciò assai.
Allora Pulcetta si mise a piangere forte, tanto che pareva una fontana impazzita.
D’improvviso s’aprì la porta di casa che disse:

  • Pulcetta, ma perché‚ piangi?
    – E perché non dovrei piangere? Pidocchietto s’è scottato!
  • Oh poveretto.
    Disse la porta, che si mise a cigolare forte per il gran dolore. […]

Eva e i suoi figli. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Eva e i suoi figli. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas
Fiabe

 
 
00:00 / 6:43
 
1X
 

Messa in voce di Caterina Scalas

Venne il tempo in cui Adamo ed Eva furono cacciati dal Paradiso terrestre per aver disubbidito al Signore Dio. I due dovettero allora costruirsi una casa su una terra arida e sterile, e dovettero pure mangiare il pane col sudore della fatica e del dolore.
Adamo arava e tentava di seminare il campo ed Eva filava la lana, oltre ad accudire la casa.
Ogni anno Eva, con lo sofferenza e nei dolori, metteva al mondo un figlio, ma i figli erano diversi tra loro, troppo diversi. Alcuni erano belli, altri erano brutti.
Dopo un bel po’ di tempo, il Signore Dio inviò un angelo ai due coniugi, per far loro sapere che Egli voleva andare a far visita e per vedere la loro casa. […]

Il vecchio Trink e Trank e la principessa signora Margonne. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Il vecchio Trink e Trank e la principessa signora Margonne. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois
Fiabe classiche e moderne d'altri s...

 
 
00:00 / 7:09
 
1X
 

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta un re, che aveva una figlia a cui voleva molto bene. Questo re aveva fatto costruire un monte di vetro, promettendo che che avrebbe dato sua figlia in sposa a chi fosse riuscito ad attraversarlo, senza minimo cadere. C’era un giovane ragazzo che era innamorato della principessa e domandò al re se potesse averla lui in sposa.
— Sì! — disse il re: – se attraverserete il monte senza cadere, l’avrete.
Allora la principessa, che già amava il coraggioso ragazzo, disse che voleva anche lei attraversare il monte, insieme con il suo amato, così da poterlo aiutare, semmai dovesse cadere. Il re suo padre diede il suo permesso. […]

La piccola onda. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

La piccola onda. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas
Fiabe

 
 
00:00 / 4:23
 
1X
 

Messa in voce di Caterina Scalas

Fratellino e sorellina stavano fuori nel giardino. Il giorno splendeva con la sua primavera, mentre i due bambini giocavano accanto a una fontana. Giocando giocando scivolarono e caddero dentro la fontana. Là, sotto l’acqua c’era pronta una piccola onda, che disse: – Oh, bene bene, ora che voi siete nelle mie mani, vi porterò con me e vi toccherà lavorare duramente e tanto. La piccola onda avvolse i due bambini dentro due ali d’acqua, li immobilizzò con la schiuma e se li portò via, giù giù, in fondo.
Alla Bimba diede da filare del brutto lino aggrovigliato e arruffato, costringendola a portare acqua in una botte piena di fori; il Bambino invece doveva abbattere un albero con una scure che aveva perso il filo del taglio. I due fratellini ricevevano da mangiare gnocchi duri come sassi. […]

Il mago cattivo, detto Mago Malo, e lo strano uccelletto. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Il mago cattivo, detto Mago Malo, e lo strano uccelletto. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra
Fiabe

 
 
00:00 / 11:28
 
1X
 

Messa in voce di Roberta Perra

C’era una volta un mago assai cattivo, che si chiamava Mago Malo. Egli, sotto le vesti di un povero straccione, andava a chiedere l’elemosina di villaggio in villaggio, dove rubava pure le belle figliuole.
Nessuno però sapeva che fine facessero, perché esse non tornavano più a casa.
Un giorno il finto povero straccione, Mago Malo, bussò alla porta di un uomo che aveva tre belle figliuole. Aveva proprio l’aria di un poverello malconcio, e portava sulla schiena una cesta a forma di cono. Chiese l’elemosina di un tozzo di pane, e quando la maggiore delle figlie uscì di casa, là, proprio sulla porta, il finto povero la toccò appena nelle mani, e la bella fanciulla fu costretta a saltare nella cesta. […]

La sogliola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

La sogliola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas
Fiabe

 
 
00:00 / 2:38
 
1X
 

messa in voce da Caterina Scalas

[…] Si misero tutti in fila lungo la riva, il luccio diede il segno con la coda e partirono tutti insieme. Il luccio schizzò via come una freccia, e con lui l’aringa, il ghiozzo, il pesce persico, il carpione e, comunque si chiamino, tutti quanti. Anche la sogliola nuotava con loro e sperava di giungere alla meta. […]

Il Giramondo. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois

Il Giramondo. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Lilli Fois
Fiabe

 
 
00:00 / 3:32
 
1X
 

Messa in voce di Lilli Fois

C’era una volta una povera donna, che aveva un figlio; questo figlio aveva tanta voglia di girare il mondo e la madre gli disse: — Come farai? Noi non abbiamo denaro, che tu possa portare con te —. Disse il figlio: — Me la caverò. Dirò sempre: «Non molto, non molto, non molto ».
Girò il mondo per qualche tempo e diceva sempre: — Non molto; non molto, non molto —. Trovò un gruppo di pescatori e disse: – Dio vi assista! non molto; non molto, non molto! Perché dici «non molto », mascalzone? — E quando tirarono le reti, non ci avevano preso molto pesce. Allora lo bastonarono e dissero: — Non hai
mai visto come si fa a trebbiare? — Cosa devo dire allora? — domandò il ragazzo. — Devi dire: « Piglia tanto! piglia tanto! » […]

Le briciole sulla tavola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas

Le briciole sulla tavola. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Caterina Scalas
Fiabe

 
 
00:00 / 2:18
 
1X
 

Messa in voce di Caterina Scalas

Una volta il gallo disse alle sue gallinelle:
— Venite, andiamo nella stanza di sopra a beccare le briciole sulla tavola: la nostra padrona è uscita per fare una visita.
Dissero le gallinelle:
— No, no, noi non veniamo: la padrona va in collera con noi —.
Disse il gallo: — Non ne sa nulla, venite pure; non ci dà mai niente di buono. […]

Donnette. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra

Donnette. Una fiaba dei fratelli Grimm. Messa in voce di Roberta Perra
Fiabe

 
 
00:00 / 3:20
 
1X
 

Messa in voce di Roberta Perra

“Dove vai?” – “Vado a Cogozzo.” – “Io vado a Cogozzo, tu vai a Cogozzo: bene, bene, andiamo insieme.”
“Hai anche tu il marito? Come si chiama?”