Il Natale di Martìn, un racconto di Lev Tolstoj

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

La tua donazione ci aiuterà a raccontare nuove storie, nuove avventure, che potranno restare libere e gratuite.

Una festa di Natale, un racconto di Carlo Collodi

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

La tua donazione ci aiuterà a raccontare nuove storie, nuove avventure, che potranno restare libere e gratuite.

Notte Paura Notte di Storie e altre tenere creature. Un racconto di Gaetano Marino

Un racconto scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Eppure, fu un disastro. Eh sì, perché quella tela di ragno, seppure fosse schifosamente appiccicosa di bava schiumosa, tanto che non aveva mai mancato una preda, si ridusse miseramente in frantumi. Da sempre quella trappola stava ben incastrata tra i battenti della piccola finestra ridotta in frantumi, tra le tante del muro di cinta di quella vecchia casa. Casa buia, dove il silenzio si faceva spettrale ed era l’unico padrone superstite. Oramai un rudere abbandonato, era quella casa. Lugubre e piena di strane ombre, che comparivano improvvise e funeste, così da far venire i peli dritti dalla paura, persino ai lupi mannari, i figli randagi delle notti di luna piena, che infestavano da sempre la contea. E quella era la contea della Marmilla, una bella terra ricca e rigogliosa, posta all’interno dell’isola di Sandalia.

La notte di Halloween e la caccia alle streghe nella casa dei mostri

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

[…] Insomma, quella era la notte del 31 ottobre, la famosa notte di Halloween. La misteriosa notte in cui i confini tra il mondo dei vivi e il mondo dei defunti si confondevano. Per una notte sola i morti avevano il permesso di tornare in vita, con il compito di portare scompiglio, e, soprattutto, spaventare a morte, si fa per dire, vero? i vivi. Una specie di vendetta dei defunti, via. Io penso, e forse mi sbaglio, perché a loro, i morti, era toccato il destino di abbandonare il mondo dei vivi – che tutto sommato, diciamolo, non è poi così tanto brutto da buttare via. Ed eccoli dunque, i tre inseparabili amici, rigorosamente vestiti di nero, con gli abiti al rovescio, e soprattutto, dovevano camminare all’indietro; perché solo così si potevano incontrare le streghe. Adriano, portava la zucca scavata, con dentro una lanterna al petrolio. Filippo teneva sulle spalle una ragnatela ricavata dalla grande borsa a rete, che serviva alla mamma per far la spesa di casa. E Marta passeggiava sulla propria mano un ragno gigante che si chiamava Aràcnum Pelòsitum: grande quanto il suo pugno. Ma un ragno vero, pelosissimo, e soprattutto amicissimo, eh sì, perché i due si conoscevano sin da quando la bestiolina stava ancora nel suo piccolo uovo. […]

La notte di Halloween nello stagno dei piccoli e grandi amici

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Anche se quella era la notte di Halloween, la piccola rana Amelina e i suoi amici se la spassavano nell’acqua dello stagno come avevano sempre fatto in una qualsiasi notte dell’anno. Quella era una notte che non poteva essere uguale a tutte le altre notti, loro lo sapevano bene, ma nonostante tutto ogni cosa procedeva come sempre, come una solita notte: Bertoldo, il cigno osservava vanitoso il riflesso delle sue piume sullo stagno di mare, mentre Castore, il grande muggine, si srotolava sull’acqua fischiettando, e Cesarina, la piccola vongola, spruzzava di qua e di là i suoi giochi d’acqua. Così trascorreva quella notte. D’un tratto però il muggine Castore si fermò durante le sue giravolte e vide la principessa Berta, insieme alle sue sorelline, raccogliere le grandi zucche che crescevano nel giardino del grande palazzo posto di fronte allo stagno. […]

Katte, la piccola strega e l’incantesimo del ragno Orlando nella notte di Halloween

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

[…] C’era solo una cosa che a Katte non piaceva per niente: Halloween, la notte dei defunti.
Una volta all’anno, quando le foglie cadevano dagli alberi, e le notti si facevano più lunghe, tutti i bambini della sua scuola cominciavano ad agitarsi e non parlavano d’altro che dei preparativi per la festa. Si preparavano costumi da strega davvero orribili, con nasi storti e muccolosi di puss, verruche pustolose e sanguinanti, dita mozzate o frantumate, colle unghie ricurve zozze e lunghissime, capelli neri arruffati, cresposi e sporchi di sangue raggrumato, finto ovviamente, e manici untuosi di scopa vecchia e consumata. Katte aveva provato a spiegare a scuola che si sbagliavano: – Le streghe non sono così! La mia mamma ad esempio è pulita ed è molto bella. Ma a quelle parole tutti i bambini si mettevano a ridere. […]

Storia di Giacomino dai capelli rossi, detto Pilu Arrubiu, e del diavoletto Coiscedda

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Tanto tanto tempo fa viveva nell’isola di Sardegna un piccolo uomo, scuro e rosso di capelli. Il suo nome era Giacomino, detto Pilu Arrubiu, che vuol dire proprio capelli rossi. Pilu Arrubiu aveva fama d’essere un uomo bugiardo, imbroglione e ladro, e aveva anche la cattiva abitudine di bere troppo; specialmente Abbardente, una grappa tra le più buone e conosciute al mondo.
Una notte Pilu Arrubiu si ritrovò svenuto a terra in aperta campagna, proprio perché aveva bevuto troppo. Ma dopo qualche istante, mentre la sua anima era fuggita per prendere un po’ d’aria e fluttuava libera per l’aria, un diavoletto, che si chiamava Coiscedda, venne da sottoterra rapido rapido a rubargliela. […]

Il Cucù di Adriano nella notte dei Mostri. Un racconto scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

[…] E Si lanciarono in ogni parte della stanza, armati e addestrati a rosicchiare come castori qualsiasi cosa. Cominciarono a rosicchiare l’armadio, il letto, lo specchio, le sedie, i cuscini, i vestiti. Spezzavano, frantumavano ogni cosa. Strillavano come fossero brutte arpie stregacce, e il peggio furono le puzzette. Tremende puzze da farti spuntare i capelli grigi e bruciare il pigiama. Avevano un odore di uovo marcio inconfondibile, mischiato con vermi putrefatti di stagno morto in decomposizione, vomito rancido, zolfo di vulcano, e gas di pancia di koala. […]

Filippa, la bambina esploratrice nella notte prima di Halloween, la notte delle paure

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

[…] E vissero per sempre felici e contenti! Qualcuno disse. Poi all’improvviso la luce della camera si spense e tutto diventò nero, buio, scuro come la pece. Solo il lumicino della Luna rubava un po’ di buio infilandosi con la propria luce d’argento spettrale. Intorno, nella camera, vi stavano solo un’idea di ombre immobili. Sì, un’idea, o forse, sarebbe meglio dire un ricordo. Perché Filippa, la piccola grande cacciatrice di mostri, conosceva bene quel posto, anche se stava immerso nel quasi buio, e perché quel posto era proprio la sua camera. Per questo sapeva con certezza che là, in fondo, ci stava la sua comodissima Spumalestorie, la poltrona sbrindellata dei viaggi di tutte le storie. Storie di sogni dalle storie di libri, e da divorare. Spumalestorie aveva di fronte, come sempre, il fedelissimo Spumailpiedino, il push push poggiapiedi dai mille colori, consumati e scoloriti. […]

Il cieco e il ladro. Una fiaba Africana. Etiopia

Dal meraviglioso e affascinante continente d’Africa ci giungono antiche fiabe, favole, e leggende.

(Puoi anche leggere la versione testo in lingua inglese di Joshua Farley)

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

C’era una volta un cieco molto ricco, che possedeva molte monete d’oro. La notte non riusciva a dormire perché aveva paura di un ladro che viveva nei paraggi. Costui era solito rubare le pecore belle grasse e le capre che appartenevano agli abitanti del villaggio, e tutto questo faceva sì che il cieco avesse sempre più paura per il suo oro. Un giorno questo cieco portò con sé nella foresta tutto il suo tesoro, scavò una fossa e ce lo seppellì. Sfortunatamente il ladro era nelle vicinanze e così vide tutto quello che il cieco stava facendo. […]

RACCONTI D'AFRICA - PODCAST
12 - Il leopardo e l'antilopeEtiopia
13-Il leone e il bambino abbandonatoEtiopia
14 - Il patto fra i topi e i gattiEtiopia
17 - I tre intellettuali stupidiEtiopia
18 - Il leopardo e il monacoEtiopia
19 - L'asino che perse le orecchieEtiopia
20 - Gli amici falsi e quelli veriEtiopia
21 - Il cane e l'asinoEtiopia
22- Il cieco e il ladroEtiopia
23 - La iena affamataEtiopia


VERSIONE TESTUALE IN LINGUA INLESE

Un carissimo amico-ascoltatore-sostenitore del New London, North Carolina, Stati Uniti d’America, Joshua Farley, ha voluto farci dono di un suo lavoro, traducendo per noi, in lingua inglese, la fiaba etiope “Il cieco e il ladro”. Non poteva esserci miglior pensiero. Ringraziamo Joshua tantissimo, ed ecco, qui di sotto, la versione inglese.
Troverete in fondo alla traduzione tutti i possibili riferimenti e contatti di/per/con Joshua Farley.

 

THE BLIND MAN AND THE THIEF
An Ethiopian Folktale Translated from Italian by Joshua Farley
Once upon a time, there was a very rich blind man who owned many gold coins. In the nighttime, he was unable to sleep because he was afraid of a thief that lived just around the corner. This thief had the habit of stealing plump, beautiful sheep and goats that belonged to the village’s inhabitants, and this made the blind man fear more and more for his gold. One day, this blind man took his entire fortune into the forest, dug a pit, and buried it all there. Unfortunately, the thief was in the vicinity and, thus, saw everything that the blind man was doing. The wealthy man had just distanced himself when the thief took the gold and carried it home. A couple weeks later, the blind man returned to the forest to check on his treasure but found nothing more than an empty hole. It didn’t take him long to conclude that it was the thief who stole his gold and he began to think of how he could go about getting it back. The following morning, he made a visit to the thief’s house and, after exchanging pleasantries with him, said, “listen, my dear sir, I have a huge problem and I don’t have anyone to share my concerns with. I’ve considered all my neighbors and haven’t found a single one that inspires as much trust in me as you. Look, I own a lot of gold and my concern is this: If I put all my gold in one place, I could lose it all in a single swipe at the hands of some troublemaker, you know? But also, if I keep it on my person I could get mugged, you know? On the other hand, I’m also thinking that I could give my gold to someone honest who would hold on to it for me. Oh, my kind sir, what do you think of my problem? And which solution would you suggest to me?” The thief responded, “sir, listen to me very carefully. If you have decided to ask me for advice, then that means you trust me, so listen to what I have to tell you. Do not give your property to anyone because nobody is honest and worthy of trust in this day and age. Don’t even put your gold in several different places among them. Put all your wealth in a single location where it is easy for you to check when you wish to do so, or to add more gold when you come across some.” “Oh, thank you so much! I just hope that you are a true friend and will keep my secret. Sir, I beg of you to keep an eye open for me in the future. Thank you!” And having said this, he thanked him and went on his way back home. Later that day, the blind man made a visit to an old friend’s house and said, “my friend, as you know I am blind and therefore cannot see a thing that happens around me. So I kindly ask you to gather as many venomous snakes as you can and place them a single box.” “Venomous snakes?” “Indeed! Very venomous snakes! What is the reward for this service, you ask? I will give you a kilo of my gold!” The friend was quite pleased to make himself useful and captured a good number of venomous snakes. That same evening, he sent them to his blind friend in a closed box. In the meantime, the thief was on cloud nine. He took care to put the stolen gold back in its place so he could take it again later when more gold was added which, as he knew, or imagined, or hoped, the blind man would hide in the same spot. And so, without letting himself be seen by anyone, which was his specialty seeing how he was a thief after all, he went into the forest and put the gold right back in the same place. In the dead of the night, the blind man headed off into the forest to see if the thief had returned the stolen goods and discovered that not even a gram of his gold was missing. He discreetly took it back and, in the hole that had by that point been dug up time and again, he swapped it with the box full of venomous snakes which he covered with dirt and soil. Then, he walked home slowly. The following night, the thief went into the forest and dug up the loose soil. He discovered an extremely heavy box which he positively believed to be full of gold. He was very happy and became convinced that, from that point on, he would be rich forever. He opened the box and, alas, the snakes sprung out of their prison! They bit him rapidly and he died right there on the spot, almost without even saying “ah!” It was in this way that the blind man had outsmarted the thief because blind people have three eyes: two are cordial and friendly, the third is evil.

Biografia Joshua Farley:
Il mio sito web: https://scrittarte.wordpress.com/
Email: joshfarley2696@gmail.com

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/josh-farley-translator/


 

I quattro avventurieri. Leggenda

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

[…] L’uomo si mise in mente di esplorare il mondo assieme a una scimmia, un topo e un serpente. Dopo molti giorni di cammino, i quattro amici si trovarono in un territorio freddo e coperto di neve. C’era cosi tanta neve sul terreno che il serpente, il topo e la scimmia non riuscivano ad avanzare di un solo centimetro. Per loro fortuna, nella vicina foresta sorgeva una casa, e tutti quanti si avviarono in quella direzione per vedere se era possibile passarvi la notte. […]

Il nuovo Re e la grande abbuffata. Leggenda

Scritto e messo in voce da Gaetano Marino

Migliaia e migliaia d’anni fa, quando il mondo del corpo degli uomini non possedeva ancora un re; le mani, le gambe, gli occhi, il cuore, la testa, e persino le due colline del popò, pretendevano d’essere sovrani. Ognuno di loro esigeva il governo assoluto su tutti. Ma il corpo dell’uomo, la sua forza e la sua saggezza, non poteva permettere che ciascuno decidesse per conto proprio. Così, come per un qualsiasi popolo non si poteva avere più di un sovrano, pure per il corpo dell’uomo non potevano esserci tanti re: ovviamente, si sarebbe rischiata l’anarchia. Tant’è che ciascuno avrebbe governato e condotto la propria parte come meglio credeva. Provate voi ad immaginare un corpo d’uomo che se ne vada in giro senza avere idea precisa di dove andare, oppure di non sapere come andare, né, soprattutto, perché andare. […]

 

Il giusto giudice e il re dell’Algeria, un racconto di Lev Tolstoj

La tua donazione ci aiuterà a raccontare nuove storie, nuove avventure, che potranno restare libere e gratuite.

Adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

La tua donazione ci aiuterà a raccontare nuove storie, nuove avventure, che potranno restare libere e gratuite.