Amore e Psiche, anima curiosa – Mitologia

Amore e Psiche, anima curiosa – Mitologia
Dai un tuo giudizio

adattamento e messa in voce di Gaetano Marino

La dea, sentendosi trascurata ed offesa, pensò di vendicarsi. 
La vendetta consisteva nel far innamorare la fanciulla dell’uomo più povero, brutto e sfortunato che ci fosse sulla terra, non solo, avrebbe dovuto sposarlo e vivere una vita di povertà e di dolore; per far questo incaricò il proprio figlio che si chiamava Eros, il dio dell’amore. Egli avrebbe dovuto colpirla con una delle sue frecce terribili, che facevano innamorare chiunque ne fosse colpito. Eros si mise subito alla ricerca di Psiche e la trovò. Subito si preparò per scoccare la freccia fatale, ma, appena Psiche lo guardò negli occhi, il dio dell’amore rimase incantato dalla sua bellezza. Colpito e confuso dalla splendida fanciulla Eros lasciò cadere l’arco e la freccia, ma questa lo ferì ad un piede. Fu così che Eros cadde vittima del suo stesso inganno. Si innamorò all’istante di Psiche.

Informazioni su parole di storie

Web Side Story - Fiabe, Favole, Leggende, Mitologia, messe in voce per tutti. Podcast. Letture ad alta voce, dalla letteratura classica a quella moderna e contemporanea.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *